Concorso per 120 allievi commissari della Polizia Penitenziaria

Concorso per 120 allievi commissari della Polizia Penitenziaria
Luglio 20 06:00 2021 Stampa

Indetto un concorso da parte del Ministero della Giustizia per selezionare 120 nuovi allievi commissari della Polizia Penitenziaria.

I vincitori del concorso saranno ammessi ai corsi di formazione per candidati allievi commissari presso la Scuola superiore dell’esecuzione penale, che hanno una durata di due anni.

Vediamo i requisiti per iscriversi al concorso, in cosa consiste e come inviare la domanda di ammissione, il cui termine scade il 12 agosto.

I requisiti

Possono partecipare al concorso i cittadini italiani in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere meno di 32 anni – il limite è aumentabile fino a 3 anni in relazione al servizio militare effettivo prestato dai candidati
  • avere pieno godimento di diritti civili e politici
  • avere idoneità fisica, psichica ed attitudinale allo svolgimento del lavoro
  • essere inclusi nell’elettorato politico attivo
  • non essere mai stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione
  • non essere mai stati espulsi dalle Forze Armate o dalle Forze di Polizia, né dai corsi di formazione per funzionari di Polizia Penitenziaria
  • nel caso delle risorse interne della Polizia Penitenziaria, non essere mai incorsi in sanzioni come pene pecuniarie o più gravi e non aver mai riportato un giudizio inferiore a “ottimo”
  • essere in possesso di una laurea magistrale o specialistica in una delle seguenti classi di laurea: giurisprudenza, scienze delle pubbliche amministrazioni, scienze dell’economia, scienze economico-aziendali, scienze della politica, teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica

Il concorso

Qualora ci siano più di mille candidati, si svolgerà una prova preselettiva, che consiste in una serie di domande a risposta multipla sulle stesse materie oggetto dell’esame.

Il concorso si articola dunque in due prove scritte, una prova orale, accertamenti attitudinali ed accertamenti psico-fisici.

La prova scritta

Le prove scritte consistono nello svolgimento di due elaborati sulle seguenti materie:

  • diritto penitenziario
  • diritto penale e diritto processuale penale, in particolare l’attività di polizia giudiziaria

La prova orale

La prova orale verte sulle materie delle prove scritte e su:

  • diritto amministrativo
  • diritto costituzionale
  • ordinamento dell’Amministrazione penitenziaria
  • conoscenza della lingua straniera
  • accertamento delle capacità ed attitudini all’uso di applicazioni e apparecchiature informatiche

Come fare domanda

La domanda di partecipazione si può effettuare a questo link dove si accede tramite lo SPID.
Il termine per inviare la domanda è il 12 agosto.