Tecniche di mindfulness per prevenire lo stress da lavoro

Tecniche di mindfulness per prevenire lo stress da lavoro
Giugno 10 06:00 2021 Stampa

Si sente sempre più spesso parlare di Stress Lavoro Correlato (SLC) in molti ambienti di lavoro, ed è necessario rilevarlo precocemente per poter intervenire efficacemente.
Ancora più importante però è la prevenzione.
Ma andiamo a capire cos’è lo SLC.

Cos’è lo Stress Lavoro Correlato

Si tratta di uno stato di tensione emotiva, mentale e fisica che si manifesta quando le richieste dell’ambiente lavorativo superano le risorse a nostra disposizione.

Il nostro corpo risponde a livello ormonale, producendo cortisolo ed adrenalina, con lo scopo di mantenere la funzionalità degli organi. A lungo andare però il cortisolo può portare a problemi nell’ippocampo, spianando la strada a malattie quali depressione e sindrome da stress post traumatico.

Le cause dello SLC e come riconoscerlo

Tra le principali cause dello Stress Lavoro Correlato possono esserci fattori come un carico eccessivo di lavoro, l’ambiguità del proprio ruolo, un basso controllo sull’attività e assenza totale o basso livello di sostegno tra capo, collaboratori e colleghi.

Lo stress può quindi manifestarsi a livello lavorativo ed esprimersi fisicamente nell’individuo.

Comportamenti disfunzionali di carattere aziendale sono l’assenteismo, un aumento degli errori, la riduzione della produttività e problemi disciplinari.

Lo SLC può esprimersi con l’aumento di ansia, irritabilità e rabbia; con difficoltà di concentrazione, depressione, perdita di memoria e con una scarsa capacità decisionale. Anche i disturbi psicosomatici sono molto comuni: disturbi cardiovascolari, ipertensione, indebolimento del sistema immunitario o disturbi dell’apparato digerente sono un chiaro campanello d’allarme.

Come intervenire

Se intervenire a livello aziendale (ad esempio favorendo cambiamenti organizzativi) può risultare dispendioso e non sempre fattibile, può risultare invece utile farlo a livello individuale, tramite la strategia di coping o attraverso le tecniche di mindfulness.

Il coping problem based

Le strategie di coping sono in generale tutte le strategie per fronteggiare lo stress, e possono essere problem based (ossia focalizzate sul problema, con la finalità della ricerca di soluzioni) oppure emotion based, che si focalizzano sul riconoscimento e la gestione delle emozioni.

Un esercizio molto utile come problem based è quello di stilare il “diario della giornata”, in cui si è stimolati a raccontare dettagliatamente la giornata appena trascorsa, con particolare attenzione sui pensieri e le sensazioni provate. L’obiettivo è quello di rendere la persona consapevole dei fattori che vanno ad aumentare la sua condizione di stress. Dopo aver preso consapevolezza di essi, si possono attuare azioni correttive e l’adozione di comportamenti funzionali alla risoluzione del problema.

La mindfulness

La mindfulness è una pratica meditativa di origine buddista, ed è molto utile per sviluppare la consapevolezza di sé. Prevede l’attenzione al momento presente, alle sensazioni provate. Essere presenti “qui ed ora” è l’obiettivo della mindfulness, per accogliere pensieri ed emozioni.

Rispetto alla tecnica del diario della giornata, non cerca il recupero della memoria di pensieri già vissuti, ma si focalizza sul vissuto del momento; essendo inoltre una pratica richiede continuità e costanza.

Ci sono diverse tecniche di mindfulness, ma tra le più rilevanti troviamo:

  • il Body Scan, che si attua focalizzando la propria attenzione sulle varie parti del corpo, concentrandosi su ogni sensazione che ci viene trasmessa. L’obiettivo è quello di diventare più consapevoli di sé e del proprio corpo
  • la Meditazione camminata, in cui si pone attenzione, camminando, prima ad un piede e poi all’altro, concentrandosi in modo specifico sui movimenti delle singole parti

Gli effetti della mindfulness

Diversi studi hanno dimostrato che la mindfulness porta ad una maggiore attenzione rispetto all’ambiente circostante e rispetto all’influenza delle emozioni sul proprio comportamento; all’aumento della capacità di sentire le emozioni, che vengono espresse con più efficiacia.

Acquisire un atteggiamento non giudicante verso le proprie emozioni permette di gestirle più efficacemente; la regolazione delle proprie emozioni è alla base della prevenzione e gestione dello stress.